Scopri la Versilia Tradizione Botero e Pietrasanta
La Vela Beach Club
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Botero e Pietrasanta
Tradizione - Pietrasanta

Un giorno di quasi trent' anni fa Pierre Levai, direttore della Marlborough Gallery di New York, si reca a Pietrasanta per vedere le opere lasciate nell' atelier dallo scultore Jacques Lipchitz appena scomparso. In quel viaggio è accompagnato da Fernando Botero che reca con sé un piccolo modello: vuol provarne la fusione in uno di quei celebrati laboratori.

Inizia così il suo rapporto con una località che ormai gli è entrata nel cuore: da qualche lustro possiede una casa tra gli ulivi che accompagnano la via su per la Rocca e ha aperto uno studio in un ampio locale non distante da piazza del Duomo. Qui di solito si ritira in estate a progettare e ad assemblare le sculture; qui si rifugia quando Parigi, New York o Montecarlo gli procurano il desiderio della tranquillità.

Botero è ormai un protagonista di Pietrasanta che vive tra la gente e la gente vive con lui ora che la sua arte è entrata nel tessuto cittadino: la chiesa della Misericordia accoglie dal 1993 i due grandi affreschi intitolati La porta del Paradiso e La porta dell'inferno; piazza Matteotti offre invece ai visitatori l'ironica bellicosità di un opulento soldato romano. Anche il tetto della sua abitazione porta un segno distintivo: un rotondo gallo in bronzo dalle corte ali in perenne attesa dell'alba.

 

we love abetone, news eventi ed informazioni sulla località sciistica