News Attualità Puccini, fondazione in difficoltà
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Puccini, fondazione in difficoltà
Attualità
Venerdì 24 Luglio 2009 09:18
pucciniLa casa natale chiusa da anni. I conti della Fondazione Puccini ingessati da tre cause. Il consiglio comunale, con due ordini del giorno, si rivolge allo Stato per sbloccare almeno il contenzioso sulla villa di Viareggio e dei diritti d'autore delle opere (2,1 milioni). Il primo documento, elaborato da tutti i capigruppo, è un appello alla Presidenza del consiglio al ministero dell'Economia. Serve a ottenere il ritiro del ricorso presentato dall'Avvocatura dello Stato contro la sentenza del tribunale di Firenze del novembre 2008 che affida alla Fondazione Puccini diritti d'autore e la villa del Maestro a Viareggio. «Il nodo cruciale sono i diritti d'autore - spiega il sindaco Mauro Favilla - che lo Stato non vuole rendere. Il ricorso permette, dunque, all'Agenzia del Demanio di procedere con una richiesta di transazione. Noi riteniamo però che questo ricorso sia ingiusto e vogliamo un'intesa. Siamo disposti a chiudere le cause legali anche rimettendoci qualcosa se questo permettesse alla Fondazione di tornare a operare subito». L'apertura al pubblico della casa natale di Corte San Lorenzo, tramite una trattativa con Simonetta Puccini, e il rafforzamento della Fondazione come organismo di riferimento per Puccini in Lucchesia sono, invece, i punti qualificanti dell'altro documento. L'atto ipotizza anche la revisione dello statuto della fondazione, già avviata come fa presente la direttrice, la professoressa Gabriella Biagi Ravenni: «È un passo indispensabile per consentire di crescere alla fondazione - spiega - diventando una fondazione di partecipazione con l'ingresso di enti e istituzioni che partecipano in maniera concreta alle attività». Di interesse cruciale anche la questione del museo dedicato a Puccini: «Credo che la creazione di uno spazio Puccini dovrebbe essere la priorità per la Fondazione e per la città - prosegue la Biagi Ravenni -: non intendo uno spazio sostitutivo della casa ma di un ambiente complementare. Il luogo dove collocare il museo è la casa natale del Maestro ma questo appartamento non è in grado di accogliere un notevole flusso di turisti. Nello spazio Puccini potremmo avere sussidi tecnologici per ascoltare musica, vedere dvd e filmati d'epoca, scorrere foto. Dobbiamo ancora capire dove collocare questo spazio». Quanto all'eredità lasciata dall'anno pucciniano, il 2008, a Lucca, l'assessore alla cultura Letizia Bandoni è ottimista: «La Fondazione sta assumendo un ruolo di coordinamento che è una sorta di eredità morale del ruolo del comitato nazionale. La Fondazione non deve diventare un produttore di spettacoli ma può avere un ruolo importante nel coordinamento e nella promozione di iniziative. Ma deve essere dotata di patrimonio e risorse. Perciò dobbiamo difendere gli interessi della città e della Fondazione con tutti i mezzi necessari».
 
share

Collabora

Consigliaci il tuo percorso

Se frequenti spesso la Versilia contattaci per diventare reporter e parte integrante del nostro progetto

Segnalaci la tua attività

Contattaci per segnalare la tua attività, chiederemo ai nostri esperti, se idonea per uno dei nostri percorsi

Suggerisci un evento

Hai un evento da proporre? Contattaci e segnalaci l’iniziativa, useremo tutti nostri mezzi per diffondere la notizia

we love abetone, news eventi ed informazioni sulla località sciistica