News Attualità Riapre ai turisti la miniera d'argento vivo
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Riapre ai turisti la miniera d'argento vivo
Attualità
Sabato 01 Agosto 2009 10:47

Alla scoperta della “Miniera dell’argento vivo”, una delle più antiche d’Italia. Si faceva cenno al sito minerario di Levigliani già nel 1153, in un atto del Comune di Pisa. Solo nel 1970 cessò ogni attività.
 L’estate scorsa è stato aperto al pubblico un primo tratto di 30 metri. Da domani sarà visitabile una galleria molto più lunga, che conduce al cantiere della “Cavetta”: centotrenta metri di tracciato, sapientemente illuminati, lungo i quali si respira un’atmosfera d’altri tempi. Tra carrelli, trivelle, picconi e lampade ad acetilene, rivive quel mondo ormai lontano impregnato di polvere, fatica e sudore.
 Nei cantieri di Levigliani si estraevano soprattutto mercurio, di cui sono visibili le gocce color argento lungo le pareti, e cinabro, una sostanza dal colore rossastro. «Almeno 15 o 16 tipologie di minerali sono state scoperte per la prima volta a Levigliani - dice la guida Alessio Tovani -. Questo è uno dei pochi siti al mondo dove c’è del mercurio allo stato nativo liquido».
 Particolarmente curato l’aspetto scenografico, con il recupero di attrezzi e macchinari originali. I manichini, che indossano indumenti dell’epoca, illustrano le varie fasi della raccolta e dell’estrazione. Ci sono poi i binari, sui quali scorrevano i carrelli da lavoro. Si notano i cantieri civetta, scavati per verificare l’eventuale presenza di sostanze sfruttabili. Dall’alto entrano fasci di luce attraverso i “fornellini”, che servivano per l’aerazione e per scaricare gli attrezzi da lavoro.
 L’intero paese ha partecipato alla ristrutturazione e alla messa in sicurezza della struttura. Quasi tutti volontari, molti lavoravano di giorno nelle cave di marmo, mentre a sera e nei week-end andavano in miniera. Dopo tre mesi duri e intensi il sogno si è avverato. «Tutto finanziato con risorse nostre - sottolinea Alberto Vannucci, il presidente dei “Beni comuni”, una commissione che esiste dal 1890 - i proventi non li ridistribuiamo ma li reinvestiamo per migliorare il territorio». Daniele Poli è uno degli uomini che ha creduto di più nel progetto: «E’un contributo alla memoria storica di Levigliani e un’opportunità per il territorio - spiega Poli - la nostra offerta è davvero forte con questa rete di visite alle miniere, alle cave di marmo e al grande complesso carsico dell’Antro di Corchia».
 La struttura aderisce a “Toscana underground”, con la “Cooperativa sviluppo e futuro” che si occupa di gestione e promozione turistica. All’orizzonte nuove partnership istituzionali e progetti per recuperare altre porzioni di miniera, ma anche macchinari e fabbricati industriali dell’epoca.

 
share

Collabora

Consigliaci il tuo percorso

Se frequenti spesso la Versilia contattaci per diventare reporter e parte integrante del nostro progetto

Segnalaci la tua attività

Contattaci per segnalare la tua attività, chiederemo ai nostri esperti, se idonea per uno dei nostri percorsi

Suggerisci un evento

Hai un evento da proporre? Contattaci e segnalaci l’iniziativa, useremo tutti nostri mezzi per diffondere la notizia

we love abetone, news eventi ed informazioni sulla località sciistica