News Spettacoli & Arte Speranze versiliesi per il Festival di San Remo
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Speranze versiliesi per il Festival di San Remo
Spettacoli & Arte
Lunedì 11 Gennaio 2010 17:07

«Esibirmi sul palco di Sanremo sarebbe un sogno. Ma sono abituato ad avere i piedi per terra. E quindi mi concentro sulla promozione del nostro album». Teo Giannotti, 28 anni, fortemarmino, è uno dei giovani talenti versiliesi (come Andrea Bergamini, Juliette Jolie e Simone Traina) che aspettano con ansia, sperando nel voto favorevole della commissione di Sanremo Giovani. Soltanto in 6, tra le centinaia di gruppi e singoli che si sono proposti, parteciperanno al concorso dedicato alla “nuova generazione” del Festival. A differenza dei suoi conterranei, Teo si è presentato alla selezione con un gruppo: i Formadonda. «Un progetto nuovo e, mi auguro, fresco - dice Giannotti - anche se si rifà alla tradizione melodica italiana».
Teo ha iniziato a cantare dopo un episodio speciale. A 18 anni fu protagonista di una mezza folgorazione nell’incontro con Edi Bocelli, madre del celebre tenore. «Eravamo a cena a casa di amici della mia famiglia, e lei mi disse che avevo un buon timbro. “Prova a studiare canto”. Così feci».
Gli inizi sono in una scuola della vicina Montignoso, poi - nel 2003 - Teo decide che quella è la sua vita. «Mi sono imbarcato con tutte le mie forze in quest’avventura, decidendo di farne una professione - spiega - Ho iniziato a lavorare con le agenzie per esibirmi nei locali e in occasione delle feste. Ho fatto persino una puntata nel musical con una compagnia di teatro olandese: non avete idea di quanto sia difficile cantare in quella lingua per un italiano».
Lavorando tra Milano, i villaggi turistici e la Toscana, Teo incontra Alex Intermite dell’agenzia Intercontatto. È lui ad avere l’idea di un gruppo vocale, da proporre sulla scena discografica. E a settembre nascono i Formadonda: assieme a Teo ci sono altri due toscani, i pratesi Alexander Tempestini e Marco Polidori, e la cantante piacentina Federica Avella. Alle loro ugole neomelodiche i due celebri autori Fabrizio Berlincioni e Franco Fasano affidano “Uomini”, che diventa la canzone da presentare alla commissione di Sanremo Giovani e anche il singolo che dà il nome al loro primo album.
«Verremo in Versilia per promuovere il cd - dice Teo - io, comunque, al Forte torno lo stesso... Ho casa qui, non mi sognerei mai di tagliare i legami con le radici della mia famiglia, anche se per lavoro sono in giro. L’unica cosa che ho perso della mia terra è l’accento: “colpa” di tutte quelle lezioni di canto».

 
share

Collabora

Consigliaci il tuo percorso

Se frequenti spesso la Versilia contattaci per diventare reporter e parte integrante del nostro progetto

Segnalaci la tua attività

Contattaci per segnalare la tua attività, chiederemo ai nostri esperti, se idonea per uno dei nostri percorsi

Suggerisci un evento

Hai un evento da proporre? Contattaci e segnalaci l’iniziativa, useremo tutti nostri mezzi per diffondere la notizia

we love abetone, news eventi ed informazioni sulla località sciistica